In cosa consiste il trattamento

L’intervento di cross linking viene eseguito in un ambiente sterile, ambulatorio chirurgico o sala operatoria. Dopo l’applicazione di qualche goccia di collirio anestetico si provvede alla asportazione meccanica dell’epitelio corneale, con l’aiuto del microscopio operatorio.

Leggi tutto

Anatomia della cornea

La parte periferica della cornea, detta limbus, ha una larghezza di circa 1 mm e prosegue nel tessuto sclerale. Istologicamente la cornea è composta da 5 strati: l’epitelio, la membrana di Bowman, lo stroma, la membrana di Descemet e l’endotelio.

Leggi tutto

Il nostro protocollo

Un preciso elenco di indicazioni, esami, terapie post operatorie e controlli per coloro che hanno subìto un intervento di cross linking.

Leggi tutto

La coltura delle cellule staminali dell’epitelio corneale

Nel 1997 i ricercatori italiani Pellegrini e De Luca assieme agli oculisti Traverso e Zingirian pubblicavano nella rivista The Lancet i primi due casi di ricostruzione del limbus con innesto di cellule staminali limbari coltivate prelevate dall’occhio contro-laterale non affetto (Pellegrini 1997 ).

Leggi tutto

Dal sito Repubblica.it Salute

È stata sviluppata in Italia la prima terapia avanzata a base di cellule staminali che permette di rigenerare l’epitelio corneale nei pazienti che hanno subito un danno grave alla cornea. Ne parla il prof. Paolo Rama che ha coordinato uno studio che ne ha dimostrato efficacia e sicurezza.

Leggi tutto

I limiti e le prospettive future

Gli ottimi risultati ottenuti, pubblicati nel New England da Rama, riguardano innesti autologhi, cioè eseguiti con cellule coltivate dello stesso paziente. Ci sono però casi di lesioni bilaterali in cui non è possibile isolare cellule staminali del paziente stesso. In questi casi alcuni Autori propongono l’innesto limbare omologo, cioè con cellule di un donatore.

Leggi tutto

Ipotesi di patogenesi del cheratocono

L’origine del cheratocono rimane ancora oggi sconosciuta. Si può ipotizzare che il cheratocono si manifesti in persone portatrici di uno o più geni alterati e che la progressione e la gravità della manifestazione clinica sia legata a differenti mutazioni del gene/i responsabile.

Leggi tutto

Come si riconosce

Il sospetto deve essere posto quando compare un astigmatismo che non era presente, soprattutto se un’altro famigliare ne è affetto. L’esame strumentale fondamentale nella diagnosi e nella gestione del paziente con cheratocono è la topografia corneale.

Leggi tutto

L’idrope corneale acuta (cheratocono acuto)

Durante l’evoluzione del cheratocono può verificarsi, in modo imprevedibile, una rottura della membrana di Descemet. Il quadro esordisce con un brusco calo della vista che può essere accompagnato o meno da dolore, ed è causato dal passaggio di umor acqueo nello stroma attraverso una breccia posteriore.

Leggi tutto